Visioni urbanistiche: La gemma dormiente di Patula Cupa.

Cartina di Leverano redatta nel 1981 da Rocco Torce Erroi con i toponimi delle varie zone del paese!

Cartina di Leverano redatta nel 1981 da Rocco Torce Erroi con i toponimi delle varie zone del paese!

Nell’ottica di incentivare la comunicazione e la discussione sul futuro Piano Urbanistico Generale del Comune di Leverano, inauguriamo oggi su Infi.Ma.Blog una serie di articoli  sul tema dello sviluppo urbanistico e sulla pianificazione del territorio.

Continua a leggere

TAP, un affare per pochi, un costo enorme per tutti. In comune, a Leverano, si suoni la sveglia!

no tap

TAP è un progetto inutile che pagheremo noi tutti, anche in bolletta. È dannoso per l’ambiente e per la nostra salute.

TAP non serve all’approvvigionamento di gas per il Salento, né all’approvvigionamento di gas per l’Italia, poiché ci troviamo oggi in una situazione di overcapacity, cioè abbiamo più energia di quanta ce ne occorra ed il mercato del gas è in costante calo, continuando a rimanere al di sotto del 30% delle aspettative. TAP servirà forse alla Germania e a quegli altri Paesi responsabili delle politiche di austerity e di intransigenza anche nei nostri confronti.

Continua a leggere

Trame di Terra 2014: sguardi, silenzi, solitudini

SAMSUNG

Viandanti

Sguardi, Silenzi, Solitudini. Quello delle tre esse non è uno slogan pubblicitario, né tantomeno un marchio commerciale. È, invece, la sintesi racchiusa in tre parole di un viaggio sospeso tra sogno e realtà compiuto attraverso l’Arneo da un gruppo di amici che ha voluto, per un breve tratto, rallentare i ritmi di vita allo scopo di creare nuove, consolidate relazioni.

Continua a leggere

NO TAP… a Leverano basta silenzi in Comune!

 

tap_2

Riprendiamo da dove ci eravamo lasciati!

La pausa estiva è stata necessaria per fare il carico di idee e di entusiasmo, un momento di riflessione in cui vari progetti sono stati portati avanti ed altri hanno iniziato a germogliare nei sogni di qualcuno.

Anche Infi.Ma.Blog ha voluto fermarsi, pur non smettendo mai di essere presente sul territorio e di avere le antenne puntate,  per ricaricarsi e ripartire più forte di prima.  Continua a leggere

NO TAP a Leverano

NO TAP

Un logo in mezzo a tanti altri, ma non come tutti gli altri. E così dopo la festa di S. Pietro e Paolo a Galatina, di Santa Domenica a Scorrano con tanto di scritta TAP nel bel mezzo delle luminarie tra le più belle al mondo, dopo la Notte di San Rocco a Torrepaduli, Sant’Oronzo a Lecce e il concerto di Battiti Live a Gallipoli, anche Birra e Sound a Leverano finisce nell’occhio del ciclone per la sponsorizzazione da parte della Trans-Adriatic Pipeline, il progetto che prevede la costruzione di un gasdotto che collegherà l’Italia e la Grecia, attraverso l’Albania, per far arrivare nelle case europee il gas naturale dell’Azerbajian.

Continua a leggere

Mappa di Comunità: la cavalcata di un anno piena di volti, ricordi ed emozioni!

Stampa

È stato necessario un periodo di sosta, di lavoro dietro le quinte, di sistemazione e di organizzazione dell’enorme mole di materiale raccolto nei primi due anni di incontri, ed una nuova programmazione degli obiettivi e delle tematiche da trattare, prima che la Mappa di Comunità di Leverano lo scorso gennaio riprendesse la sua ordinaria periodicità degli appuntamenti, predisponendo un calendario di incontri a cadenza mensile, ospite della Biblioteca Comunale di Leverano.

Continua a leggere

Il gusto dolceamaro dei play-off

volley_2

L’inizio di una stagione sportiva nasce dalla programmazione, dal tentativo di creare un’alchimia tra nuovi arrivati e vecchia guardia, dal sacrificio e dall’applicazione negli allenamenti, dal fissare degli obiettivi, più o meno raggiungibili, dal cullare ambizioni, più o meno legittime.

Poi, però, nello sport, sia a livello individuale, sia negli sport di squadra, subentra l’elemento imprevedibile, quello che crea il fascino, spariglia le carte e alimenta le passioni: l’imponderabilità del destino che, a volte, rende il cammino impervio e il traguardo più difficile. Continua a leggere

Consiglio Comunale e concetto di partecipazione tra mondo virtuale e realtà

comune leverano-3

Pubblichiamo un breve sunto del Consiglio Comunale di Leverano che si è tenuto giovedì scorso. Come spesso accade il consiglio si è svolto nel vuoto della platea di Leverano, che conferma una certa lontananza o disabitudine dei cittadini al concetto di partecipazione. Nell’era in cui internet, social network, tv ci mettono in diretto contatto col mondo restando sulla poltrona di casa di fronte ad uno schermo inanimato si può avere forte la tentazione di credere davvero che un like o la condivisione di un link possano sostituire e rimpiazzare l’alto e nobile concetto di partecipazione: presenza, prendere parte e/o contribuire a qualcosa con una o più persone, essere partecipe.

Continua a leggere

Risorgimento: classi sociali e sette carbonare a Leverano (part 3)

10340

Al contrario di quanto avvenne per quell’80% di contadini di cui s’è detto (la base di questa piramide sociale, sul cui lavoro, secondo il Galanti, vivevano i borghesi, i baroni, il clero e i frati), che speravano in un cambiamento delle proprie condizioni di vita: condizioni di miseria oltre che di analfabetismo che raggiungevano il 90% tra le fasce più povere.

Continua a leggere

Risorgimento: classi sociali e sette carbonare a Leverano (part 2)

Diploma_carboneria_1820

Si è già detto come i Filadelfi si fossero accresciuti soprattutto nei distretti di Lecce e Brindisi, in modo particolare nelle città di Veglie e Salice. Dalla setta di Veglie provenivano alcuni fondatori della vendita di Leverano: sia il proprietario Raffaele Bonavoglia, che don Salvatore Tramacere, carbonaro prima del nonimestre. Salvatore Levrè, invece, risulta già appartenente alla vendita di Copertino dove occupa il grado di “terribile”, mentre don Salvatore Calcagnile viene registrato come carbonaro e “Gran Maestro” dei Filadelfi (quello di Gran Maestro era il grado più alto della setta). La setta di Leverano, denominata “Figli di Sofia”, compare tra i primi elenchi nelle carte di polizia, segno questo della sua antichità. Era nata per gemmazione dalle vicine sette di Veglie e Copertino. Il 6 maggio 1829 fu compilato un primo elenco di 27 nominativi, leggibili solo in parte.

Continua a leggere